menu

Definizione di Metodologia Olistica secondo i criteri con cui viene applicata nei nostri studi


La M.O. deve possedere tre requisiti che ritengo imprescindibili per poter considerare, per quanto possibile ed il paziente lo consenta, in tutta la sua complessità il soggetto che abbiamo di fronte.

Deve essere:

Etiopatogenetica

Multidottrinale

Analogica

Con il termine, etiopatogenetica, si vuole sottolineare la fondamentale importanza che tale metodologia riserva alla individuazione della causa primaria responsabile del disequilibrio del paziente, il cui compenso spontaneo e quindi non gestito, è causa dei sintomi che conducono il soggetto dal medico.

Al medico olistico, sono necessarie non solo competenze accademiche solide che consentano di contestualizzare in modo mirato il sintomo che ha condotto il paziente da lui, ma riteniamo  debba avere una preparazione multidottrinale  così da poter fruire di  semeiotiche appartenenti ad un sapere medico diverso da quello accademico e attualmente considerate non convenzionali, spesso in grado di consentire l’identificazione della etiopatogenesi originale e causativa.

Certamente appare utile saper cogliere gli aspetti analogici che possono emergere da un corretto rilievo della cartella clinica, da un esame obiettivo che potremmo definire accademico e la messe di segni ed indicazioni che emergono dall’utilizzo delle semeiotiche, non convenzionali, da sempre attente alla interazione tra i bisogni dell’uomo (non le necessità)  e le leggi della natura della quale ritiene essere l’espressione più alta.

Faccio queste considerazioni, per altro già precedentemente espresse, per sottolineare quanto sia necessario porre l’accento sulla opportunità di mantenere alto il valore antropologico dell’atto medico. Esso non può e non deve essere solo orientato a risolvere farmacologicamente il sintomo, ovvero  essere solo asservito alla evoluzione scentifico-tecnologica, considerata l’ausilio elettivo  per  definire in termini matematici tutti gli aspetti della complessità dell’Io. Ribadisco con forza che le leggi della natura hanno in sé alcuni tratti non negoziabili,  pena la rottura del rapporto comunicativo tra il microcosmo ed il macrocosmo che ognuno di noi concorre a costituire


Articoli


Aiutiamo le persone con problematiche croniche
ad avere una vita il più possibile “normale”.

Affronto insieme al mio staff, il problema dal punto di vista etiopatogenetico, andando cioè all’origine, per quanto sia possibile, del disequilibrio che ha provocato  i sintomi accusati dal paziente.